UN GRANDE RESTAURO: AUTOLOGIA.NET

<<Meglio fare un grande restauro o un restauro grande? La celebre pubblicità del pennello "cinghiale", dove un imbianchino in bici ne trasporta uno gigantesco nel traffico di una grande città, calza come un guanto a quello che sta affrontando un appassionato di Vigone (paese vicino a Pinerolo, in provincia di Torino, diventato celebre perché è da queste parti che ora "abita" uno degli equini più famosi di ogni tempo, Varenne).

Penso che nessuno, nell'universo dei collezionisti italiani, abbia le caratteristiche di Jonny Porcu, colui che si sta cimentando in quello che è sicuramente uno dei restauri più impegnativi "in cantiere" al giorno d'oggi in Italia. L'avventura ciclopica si chiama Viberti CV10. Questo veicolo, realizzato sulla base del Fiat 682, è un autobus snodato prodotto dalla celebre carrozzeria torinese alla fine degli anni '50. Un mezzo a tre assi, di cui due sulla motrice ed uno sul rimorchio. Il propulsore è un 6 cilindri in linea di 10.676 cm3 ed eroga 150 CV. E' abbinato ad un cambio a 4 marce con riduttore (grazie ai rapporti da "interurbano" raggiunge a velocità massima di 70 km/h). Ha 71 posti a sedere. Tante per dare in numeri (in tutti i sensi): si parla di un mezzo che ha delle fiancate lunghe 18 metri. Calcolando il frontale e la coda si tratta di avere a che fare con ben 41 metri di lamiere e struttura da rimettere in sesto........>>

Prosegui la lettura dell'articolo di Filippo Zanoni su Autologia.net!